Creare una vita a tua misura – Prima parte


Ciao Trasformatrice!

Circa 6 mesi fa, Annette (la mia insegnate di marketing) mi ha chiesto, durante una delle nostre sessioni: “qual’è una cos che hai già fatto e che ti è riuscita meglio che a chiunque altra persona che conosci?”

In quel momento, le prime cose che mi sono venute da pensare sono state: aver sconfitto l’ansia ed essere stata resiliente in certe situazioni che la vita mi ha lanciato sotto forma di palle curve. 


Ed ero un po’ preoccupata, devo proprio dirlo, perché non mi sembravano delle cose su cui poter costruire un nuovo metodo ed un nuovo brand.

Mi sembravano pochine anche per migliorare quello attuale!

Specialmente considerando che, per la parte dell’ansia, avrei dovuto stare costantemente attenta a non uscire dal mio seminato. L’ansia patologica può avere conseguenze anche molto serie, e non essendo io una psicologa sarei stata costantemente sulle spine.


Non riuscivo a vedere, in quel momento, che queste due cose facevano parte di un’abilità più ampia che mi sono creata proprio rispondendo a situazioni che mi si presentavano: mi sono creata una vita che mi assomiglia.

Che va bene per me, e che si evolve con me. Che non tiene conto di come si “dovrebbe fare”, ma è a mia immagine e somiglianza.


Una volta capito cos’era di me che poteva rendermi una Coach migliore, ho passato tantissimo tempo a studiare per dissezionare e distillare i miei processi per renderli disponibili a te ed alle altre Trasformatrici, con alcune differenze: 

  1. Meno errori, più azione: ci sono una marea di errori che ho già fatto io. Ripetutamente. Infatti, li ho fatti per cosi tante volte che ho imparato a riconoscerli quando sono appena dei pensieri in attesa di scatenare il delirio. E se li vedo in te, posso guidarti nel non farli o nel farti meno male mentre fai le tue prove
  2. Meno tempo: Una cosa è sicura, come ci sono riuscita io ci puoi riuscire anche tu. Non c’è il minimo dubbio. 

La differenza è che con qualcuno al tuo fianco potresti risparmiare mesi, forse anni – di prove, errori ed aggiustamenti. Ed usare quel tempo per fare cose che la tua mente non ha neanche partorito ancora! 


In breve, come si fa a costruirsi una vita su misura? 


Prima cosa è importante chiedersi a misura di chi, e questa è la parte che prende più tempo. Sai perché? Perché una buona parte delle persone non sa bene chi è e si identifica con quello che funziona al momento, costruendo un’identità frammentata ed incompleta che non permette di crescere. 


Immaginati come un ecosistema: certamente è vario e diversificato come lo è la nostra vita, ma tutti gli elementi lavorano insieme. Se iniziamo ad introdurre specie che non ne fanno parte, l’equilibrio si spezza.

L’ecosistema sopravvive, solitamente, ma non prospera e va piano piano ad annullarsi e modificarsi in modi poco sani. 
Questo si applica nell’identità umana in vari modi, ad esempio: 

  • Vediamo come funzionano le cose per un’altra persona e pensiamo che possano funzionare esattamente così anche per noi
  • Crediamo a quello che pensano gli altri di noi senza mettere in discussione se sia vero o falso
  • Cambiamo per amore, per soldi, per paura e per inerzia. Cambiamo e ci perdiamo per strada. 

Che poi se ci pensi bene, quante volte nella vita qualcuno ti prende in disparte e ti chiede se sei felice, se ti senti te stessa, come hai voglia di crescere? Raro. Ed ancora più raro avere questa conversazione con te stessa.


E invece è la cosa più importante, perché quello che puoi portare tu al Mondo non lo può portare nessun altro. Anche se qualcuno fa la stessa identica cosa che fai tu, la farete in modi diversi. 

C’è un MA grosso come una casa: milioni e milioni di persone non portano il proprio unico, meraviglioso talento da nessuna parte perché sono intrappolati come criceti in una ruota, facendo del loro meglio per vivere una vita che va bene per qualcun altro. 

Uno spreco. E nessuno ci punta una pistola alla testa da questa parte del mondo, diciamoci la verità.

Ti è piaciuto questo post? Torno Lunedì per parlarti di come faremo tutto questo! 

Please follow and like us:
error

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *