[Scegli o lasci scegliere?]

Ho visto dal post di ieri che l’argomento Relazioni ti interessa, quindi ho pensato di usare questa storia per portarti un’esempio di qualcosa che troverà ampio spazio nel mio nuovo modo di fare le cose. 


Risale agli anni del mio tirocinio come assistente sociale, ma me lo ricordo come se fosse successo pochi minuti fa. 


Ci eravamo riunite in una stanza piuttosto sterile ma ben isolata del consultorio; la mia tutor, io, altre due assistenti sociali, la psicologa ed una donna.

Una donna bellissima, con dei lunghi capelli scuri ed una pelle di porcellana. 


Indossava un top di seta verde scuro e si era tolta la camicia per rivelare livdi, ferite e bruciature su tutto il corpo. Piangendo, cercava un modo per chiederci di aiutarla ad uscire da quella situazione ed allo stesso tempo cercava di giustificare il compagno.


“È una persona meravigliosa” – disse – “veramente meravigliosa, vorrei che poteste credermi”Da dietro di me, una delle altre due assistenti sociali che era appoggiata al muro disse: “io ti credo”


La guardammo tutte con aria scioccata. La più incredula di tutte era la donna con i lividi. 
“Io credo che lui sia entrambe le persone: quella meravigliosa che conosci tu ed il mostro che ti ha conciato in questo modo.Credo anche”

continuò “che forse un giorno potrebbe scegliere di lasciare da parte il mostro, ma non lo sta facendo. Non oggi, non per te o con te. Il fatto che tu conosca anche la parte buona di lui peggiora la tua situazione,adesso. Lui sta prendendo le tue decisioni e vorrei per te che tu prendessi le tue”. 


Boom. Lezione di vita. 

Regnò il silenzio per diversi minuti, lasciandoci ognuna a pensare cosa sceglievamo di vedere delle persone che ci stavano intorno. 


Ed ora io chiedo a te: quanto scegli nella vita? E quanto scegli di vedere solo la parte che ti fa comodo? 

Perché si, la vita può essere dura, certe situazioni fanno schifo al cappero e daresti di tutto per uscirne fuori e dimenticartene.

Quando ti riesce, queste tornano, sotto forma di un’altra situazione di M, finché non impari la lezione.


Si può scegliere di vivere questo inevitabile succedersi delle cose come un’avventura,e far pace con il fatto che ci sono delle cose che neanche sappiamo di non sapere e che si riveleranno a tempo debito, oppure vederla come una condanna.

E scegliere è un grandioso atto di coraggio, una liberazione, perché una volta scelto non si può più dare la colpa a nessuno ed i successi sono tutti nostri da festeggiare ed i livelli della vita sono nostri da scalare in libertà ❤️

Please follow and like us:
error

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *